Virus mononucleosi: presenta un DNA a doppia elica

Virus mononucleosi: prevenirlo con l’igiene personale

Sappiamo tutti che il Virus di Epstein Barr, può essere trasmesso attraverso la condivisione della saliva. Per questo motivo il virus mononucleosi, una volta entrato in contatto con il nostro organismo inizia ad intaccare i tessuti orofaringei, indi per cui potremo avere faringite e tosse.

Le persone che maggiormente vengono colpite da questa malattia vanno dai 15 sino ai 35 anni d’età. Lo si può diagnosticare effettuando delle analisi del sangue – si noteranno sicuramente delle alterazioni. Per avere maggiori informazioni riguardo alla mononucleosi in gravidanza possiamo consultare questo articolo “Mononucleosi in gravidanza: come prevenire la malattia

Dopo la guarigione, il virus scompare dal nostro organismo?

Virus mononucleosi

Virus mononucleosi

Non è molto semplice riuscire a privarsi di questo virus, proprio per questa ragione l’EBV rimane nella salita per un anno dopo la completa guarigione.  Ma comunque sia può ripresentarsi nel corso della vita dell’individuo senza nessun tipo di sintomo. Non bisogna sottovalutare questo tipo di malattia in quanto può comportare delle rare complicazioni come ad esempio il cancro della rino-faringe.

Inoltre stando ai risultati di alcuni pazienti si è notato che alcuni di loro dopo aver contratto la mononucleosi, hanno manifestato il lupus eritematoso sistemico. Il medico di fiducia deve cercare di tenere sotto controllo i valori delle analisi del sangue per prevenire gravi patologie, prescrivendoci una cura adeguata.

Il riposo in questi casi è davvero essenziale per non andare incontro alla rottura della milza che comporta il ricovero immediato della persona. Oppure si può manifestare una spiacevole infiammazione batterica faringo tonsillare che si cura attraverso l’assunzione di antibiotici. Per avere maggiori informazioni riguardo agli esami per diagnosticare la mononucleosi possiamo leggere questo articolo “Test mononucleosi: ecco come può essere diagnosticata

I sintomi che potrete avere possono essere simili ad una normale influenza, ma se continuano più del normale sarà necessario contattare il proprio medico.

Parla alla tua mente

*