Trasmissione mononucleosi: attraverso la saliva e non solo

Trasmissione mononucleosi: non condividere posate, bicchieri o quant’altro

Il virus di Epstein Barr, risulta essere una malattia infettiva che può trasmettersi attraverso la saliva, uno starnuto, la tosse e molto altro ancora. Inoltre bisogna sapere che una volta contratto questo virus lo si riesce ad eliminare dall’organismo dopo circa 18 mesi mentre è diverso per tutte le persone aventi un sistema immunitario debole. Indi per cui la trasmissione mononucleosi può avere diversi modi, persino attraverso il sangue. Per avere maggiori informazioni riguardo alla mononucleosi milza possiamo consultare questo articolo “Mononucleosi milza: altissimo rischio di rottura

Come riconoscere i sintomi della mononucleosi?

Trasmissione mononucleosi

Trasmissione mononucleosi

Il sintomo più evidente che può più far pensare alla mononucleosi sono di sicuro le tonsille ingrossate e con una patina color biancastro sopra. A questo particolare si vanno ad associare febbre alta, aumento dei linfonodi, stanchezza, aumento della milza ed infine comparsa di puntini sulla cute simili a quelli del morbillo – a pochi giorni dalla comparsa dei sintomi – dovuto ad un uso improprio di medicinali.

Ed è proprio per questa ragione che dovremo quanto prima rivolgerci al nostro medico così da effettuare un test  per diagnosticare la malattia. Dalle analisi che andremo a fare sicuramente risulterà: un aumento dei globuli bianchi e successivamente si andrà alla ricerca dei vari anticorpi VCA, IgG ed infine IgM.

Il più delle volte il virus ha una durata dalle 3-6 settimane, negli adolescenti; mentre nei bambini dalle 2-3 settimane. Per alleviare i sintomi possiamo assumere, sotto consiglio del medico, degli antipiretici. Per quanto riguarda gli antibiotici possono essere assunti per contrastare un’eventuale infezione batterica – infatti in caso contrario non servirebbero a nulla.

Per avere maggiori informazioni riguardo alla diagnostica del virus di Epstein Barr (EBV) possiamo leggere questo articolo “Esami mononucleosi: come vedere se si è immuni?

 

 

Parla alla tua mente

*