Mononucleosi spirea olmaria: proprietà e controindicazioni

Mononucleosi spirea olmaria

Tra i possibili rimedi naturali che possono essere adottati come cura nei confronti del quadro clinico della mononucleosi si menziona anche la spirea olmaria in quanto si tratta di una pianta erbacea perenne alla quale vanno riconosciute proprietà diuretiche, antinfiammatorie e calmanti, nello specifico la sua azione farmaceutica è paragonabile a quella dell’aspirina di sintesi. Alla base della spirea olmaria si trova un mix di principi attivi composto principalmente dalla concentrazione di salicilati, che derivano dall’acido salicilico, a cui ascrivere virtù di tipo analgesico, antinfiammatorio ed antipiretico. Grazie alla presenza di salicilati alla spirea olmaria possono essere attribuite le stesse proprietà dell’aspirina che come noto sfrutto come principio attivo l’acido acetilsalicilico, la differenza tra i due trattamenti consiste nella composizione naturale della prima che inoltre non espone al rischio di possibili effetti collaterali di tipo terapeutico, mentre l’aspirina potrebbe causare effetti gastrolesivi. Nella composizione di questa pianta sono presenti inoltre flavonoidi, vitamina C e tannini. Per altre informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Mononucleosi approcci terapeutici omeopatici: alcuni esempi.

Controindicazioni

mononucleosi spirea olmaria

mononucleosi spirea olmaria

In caso di mononucleosi che causa un senso di spossatezza e malessere generale traducibile in una condizione persistente di astenia si può assumere la spirea nella formulazione di infuso per poter agire come palliativo in caso di dolori di lieve e media entità agendo come antinfiammatorio, antireumatico, e diuretico naturale; invece l’estratto idroalalcolico che deve essere assunto in gocce, come anche quello secco possiede delle proprietà aspirinosimili. Prima dell’uso della spirea olmaria è meglio fare affidamento alle indicazioni del proprio medico, anche se le sole controindicazioni che devono essere tenute in maggiore considerazione prima di intraprendere questo tipo di rimedio fitoterapico sono rivolte a quei soggetti che stanno seguendo un trattamento anticoagulante, inoltre questa pianta perenne è sconsigliata nei casi di sensibilità accertata verso i salicilati. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Mononucleosi cura naturale.

Parla alla tua mente

*