Mononucleosi reazione di Paul Bunnel cosa rivela l’esame

Mononucleosi reazione di Paul Bunnel

Per poter individuare la presenza del virus della mononucleosi in ambito diagnostico si fa appello anche ad un test come la reazione di Paul Bunnel che viene eseguito per confermare l’infezione in corso, ed infatti si tratta di un’analisi che indica che la malat­tia si trova nella fase acuta. Nello specifico l’impiego di tale test viene utilizzato per la ricerca di anticorpi eterofili che compaiono durante la presenza del focus infettivo instaurato dal virus di Epstein-Barr responsabile della mononucleosi infettiva. Con l’accertamento sierologico eseguito attraverso l’esecuzione della reazione di Paul-Bunnel-Davidsohn è possibile quindi valutare se sono attivi nell’organismo del soggetto gli anticorpi eterofili agglutinanti le emazie di montone, a comparsa non precoce, è possibile inoltre rilevare la presenza di anticorpi di tipo IgM che si vengono a formare come risposta immunitaria attivata dall’organismo contro l’antigene capsidico del virus. Maggiori notizie sull’argomento si trovano su Monotest per ricercare l’infezione da virus di Epstein-Barr.

Come si esegue l’esame

mononucleosi reazione di Paul Bunnel

mononucleosi reazione di Paul Bunnel

Dalle analisi del sangue si riscontrano in questo modo che gli anticorpi IgM, eterofili nella mononucleosi i quali possono essere evidenziati in relazione alla stessa durata della condizione patologica, in genere la malattia viene identificata nella fase acuta della sua propagazione. Nella maggior parte dei casi la presenza degli anticorpi IgM si rivela con una percentuale alquanto elevata soprattutto nella III settimana di diffusione dell’infezione, inoltre questi valori risultano essere alquanto elevati in un’ampia finestra temporale compresa tra i 3-6 mesi ed un anno. Attraverso l’esecuzione della reazione di Paul Bunnel è possibile formulare la corretta diagnosi della mononucleosi, nello specifico se il virus della mononucleosi non è presente nel sangue allora il test risulta “negativo” oppure “assente”, qualora invece il virus sia presente allora il test risulta “positivo” o “presente”. Altre informazioni si trovano su Test per diagnosticare la mononucleosi: la ricerca seriologica.

Parla alla tua mente

*