Mononucleosi infettiva sintomi: durata e guarigione

Mononucleosi infettiva sintomi: incubazione e contagio

La mononucleosi infettiva conosciuta più comunemente con il nome di “malattia del bacio”, è una patologia contagiosa e si trasmette per via aerea.
Secondo una recente indagine, si stima che l’80 o il 90% della popolazione è venuta in contatto con il virus di Epstein-Barr. I maggiori rischi di contagio si hanno durante l’infanzia e l’adolescenza. In genere i bambini contraggono la malattia per la condivisione di giocattoli, bicchieri e posate con i familiari, mentre gli adolescenti e gli adulti, il virus è trasmesso attraverso il bacio o più raramente attraverso rapporti sessuali. Chi contrae la monunucleosi infettiva i sintomi che si presentano possono essere anche di lieve entità.

Il periodo di incubazione è di 30 o 50 giorni.Una volta contratta la malattia, si acquisisce un’immunità che dura tutta la vita. Solitamente una persona smette di essere infettiva nel giro di una settimana, anche se il virus può riattivarsi nuovamente senza presentare nessun genere di sintomo.

Ecco come si manifestano i sintomi:

mononucleosi infettiva sintomi

mononucleosi infettiva sintomi

La patologia si manifesta con febbre a volte molto elevata, linfonodi ingrossati, mal di testa, mal di gola, tosse, stanchezza. In alcuni casi si possono manifestare anche delle eruzioni cutanee simili al morbillo o rosolia. Nei bambini solitamente l’infezione è asintomatica, e molto spesso i sintomi che si presentano sono simili ad un comune malanno di stagione, mentre nei giovani, la sintomatologia che si presenta è la forma classica di mononucleosi infettiva. Negli adulti invece i sintomi sono caratterizzati da febbre, stanchezza e malessere generale. Solitamente questa malattia colpisce chi ha un sistema immunitario molto debole. A volte possono insorgere anche delle complicazioni a carico del sistema nervoso provocando encefalite e altre malattie di varie entità.

La mononucleosi infettiva non è sempre facile da diagnosticare , ma con gli opportuni esami è possibile evidenziare la malattia. A oggi non esiste una terapia specifica per combattere il virus. L’unica soluzione da poter adottare per alleviare i dolori sono gli analgesici.

 

Parla alla tua mente

*