Mononucleosi farmaci corticosteroidi

Mononucleosi farmaci corticosteroidi

Per trattare un’infezione di tipo virale come la mononucleosi non esiste una terapia precisa, anche se il medico prescrive al paziente soprattutto riposo a letto e l’assunzione di liquidi per il reintegro di quelli persi per evitare la disidratazione, talvolta però il medico in caso di sintomatologia grave può prescrivere farmaci corticosteroidi per un breve periodo per dare sollievo ad alcuni dei sintomi, tra cui il gonfiore della gola e delle tonsille, ma anche in caso di ingrossamento della milza.  Tra i farmaci della classe dei corticosteroidi quello d’elezione in caso di  mononucleosi è rappresentato dal prednisone da assumere per via orale oppure intramuscolare in una o due dosi, è comunque opportuno fare riferimento ai foglietti illustrativi del farmaco. Il trattamento della mononucleosi con il cortisone rappresenta un approccio terapeutico efficace per dare sollievo alla sintomatologia, talvolta come terapia si  raccomanda l’associazione di aciclovir e prednisone. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Mononucleosi antibiotici: perché non sono consigliati.

I fattori più preoccupanti del quadro clinico

mononucleosi farmaci corticosteroidi

mononucleosi farmaci corticosteroidi

La mononucleosi ha una risoluzione spontanea e non implica strascichi negativi se non sorgono complicanze connesso con l’infezione primaria. In genere la fase acuta della patologia ha una durata di un paio di settimane, ma può prolungarsi anche per un  mese, ed in genere il sintomo più molesto, che può persistere anche dopo la guarigione, è l’astenia  che può presentarsi nel corso della stessa convalescenza per cui sono necessarie diverse settimane affinché il paziente possa riprendersi definitivamente dalla sensazione di spossatezza cronica ed immotivata. per scongiurare una delle complicazioni più gravi quali la rottura della milza, da ascrivere all’ingrossamento patologico dell’organo, è bene non fare sforzi eccessivi, il rischio più grave è rappresentato da possibili emorragie interne che possono essere addirittura fatali. Altre notizie si trovano su Complicazioni della mononucleosi epatite.

Parla alla tua mente

*