Mononucleosi donne in gravidanza

Mononucleosi donne in gravidanza

Vista la sua elevata capacità di contagiare il virus della mononucleosi può attivare focus infettivi in soggetti di ogni età colpendo anche le donne in gravidanza, in questo caso va precisato che non si tratta di una condizione che deve destare preoccupazioni eccessive. In genere si tratta di una infezione virale tipica dell’età pediatrica e dell’adolescenza, non sono però rari casi di insorgenza dell’infezione tra le persone di età adulta tra cui le donne in gestazione, che possono quindi essere contagiate dal virus di Hepstein-Barr, si tratta di un’evenienza che spesso può passare inosservanza visto che l’infezione può passare inosservata in quanto può dimostrarsi del tutto o quasi asintomatica. Per cui l’assenza di manifestazioni sintomatiche moleste non necessita l’assunzione di una terapia volta a lenire i segni clinici dell’infezione, talvolta per migliorare la sintomatologia il medico  potrà valutare di prescrivere una terapia per neutralizzare il virus avendo a cure la salute della madre e del nascituro senza il rischio di conseguenze per il feto. Nella maggior parte dei casi la cura migliore soprattutto in gravidanza è rappresentata dal riposo a letto per fornire al sistema immunitario la possibilità di recuperare le forze necessarie a debellare il virus in maniera definitiva. Altre notizie su Mononucleosi gravidanza: Citomegalovirus.

Come va trattata l’infezione

mononucleosi donne in gravidanza

mononucleosi donne in gravidanza

Contrarre la mononucleosi in gravidanza normalmente non implica complicanze per a madre ed il nascituro, il solo scompenso è quello relativo alla riduzione delle difese del sistema immunitario materno che quindi rendere la donna più fragile in tal moda diventa maggiormente esposta al rischio di sviluppare altre possibili infezioni.  Per formulare la corretta diagnosi anche nelle donne in gestazione si deve procedere con un esame del sangue per riscontrare la positività immunitaria per EBV a livello ematico. La malattia infettiva di solito tende a risolve spontaneamente nel giro di alcune settimane, avendo cura  di non stressarsi eccessivamente e concedendosi il giusto riposo fino alla completa guarigione. Per maggiori informazioni si rimanda alla lettura dell’articolo Test per diagnosticare la mononucleosi: la ricerca seriologica.

Parla alla tua mente

*