Mononucleosi cura: le giuste terapie

Mononucleosi cura: tutto ciò che si deve sapere

La mononucleosi è una malattia altamente contagiosa. Si stima che circa l’80% della popolazione dei paesi industrializzati abbia contratto tale patologia.
La mononucleosi o malattia del bacio, si trasmette attraverso la saliva. Da sottolineare che non serve soltanto un contatto diretto per contrarre la malattia, ma basta anche semplicemente condividere lo stesso bicchiere, le stesse posate con le persone affette per essere contagiati.
Per chi è affetto da mononucleosi cura e terapia sono molto importanti. Di solito questa malattia colpisce soprattutto adolescenti e bambini, mentre è più rara l’infezione tra gli anziani. In molti individui il decorso della patologia è asintomatico. Infatti i sintomi principali che vengono riscontrati nella prima fase, ovvero  “fase prodromica”, sono di lieve entità e sono simili a quelli di una comune infezione virale delle alte vie respiratorie: mal di gola, tosse, mal di testa, spossatezza. Per ulteriori approfondimenti leggi l’articolo Mononucleosi sintomi:ecco come riconoscerli.

E fondamentale osservare che esistono casi di persone contagiate che non riscontrano nessun sintomo in particolare, anche se questo non impedisce il contagio della malattia. Il periodo di incubazione nell’adulto è di circa 4-6 settimane mentre nei bambini è di 2 settimane al massimo.

Trattamento per la cura della mononucleosi:

mononucleosi cura

mononucleosi cura

La mononucleosi come abbiamo già detto in altri posts, ha nella maggioranza dei casi un’evoluzione benigna con tendenza alla guarigione senza necessità di alcuna terapia specifica.

Tuttavia in caso di febbre molto alta, è opportuno utilizzare la somministrazione del paracetamolo, oppure in caso di dolori articolari o muscolari, è bene ricorrere a degli antinfiammatori. Per quanto riguarda invece l’assunzione di farmaci a base di cortisone, possono essere assunti per breve periodo solo se le tonsille si ingrossano causando difficoltà nella respirazione. Inoltre per accelerare la guarigione è opportuno stare a riposo, soprattutto se a causa della malattia la milza si è ingrossata. Infatti gli sforzi fisici possono causare la rottura della stessa, anche se i casi sono molto rari. Per ulteriori approfondimenti leggi l’articolo Sintomi della mononucleosi: cause e cure

 

 

 

 

Parla alla tua mente

*