Mononucleosi bambini sintomi: ecco i giusti rimedi

Mononucleosi bambini sintomi: come riconoscerli

La mononucleosi è una malattia infettiva, causata dal virus di Epstein-Barr. L’infezione si trasmette attraverso la saliva e il rischio di contagio è elevato. Quando il contagio interessa un bambino, molto spesso i sintomi che si delineano da tale patologia tendono a confondersi con altri disturbi respiratori.
Mononucleosi bambini sintomi: Di solito la mononucleosi ha un esordio graduale caratterizzato da malessere generale e febbre che raggiunge valori di 39°C. Questa sintomatologia può persistere anche per 2 settimane circa. Oltre la febbre, possono comparire altri sintomi quali mal di gola, aumento del volume delle tonsille, ingrossamento dei linfonodi, ed esantema simile al morbillo o rosolia.

Il bambino con mononucleosi può presentare anche delle complicanze come ingrossamento della milza e del fegato, encefalite, ed infezioni batteriche.

Qual è la giusta terapia per combattere la mononucleosi?

mononucleosi bambini sintomi

mononucleosi bambini sintomi

Essendo una malattia virale non esiste una terapia specifica per combatterla. Tuttavia esistono in commercio degli antipiretici in caso di febbre elevata, oppure degli anti-infiammatori in caso di dolori muscolari o articolari, o dei collutori.

Inoltre è importante durante questa fase stare a letto soprattutto se risultano interessati anche fegato e milza. Oltretutto per evitare problemi alla milza è necessario evitare sollevamento di pesi e ogni tipo di attività sportiva per almeno 6-8 settimane.Ma anche dopo la guarigione è opportuno effettuare delle diagnosi al fine di controllare le dimensioni della stessa.

E’ necessario chiamare il pediatra se la febbre non scende neppure dopo una settimana, oppure se a causa delle tonsille gonfie il bambino non riesce a deglutire e a mangiare da vari giorni. In tali casi il medico potrebbe prescrivere antibiotici per sovrinfezioni batteriche.

La mononucleosi di solito ha un decorso di 15-20 giorni. Nella maggior parte dei casi la prognosi è eccellente, e pertanto i soggetti riescono a riprendere le normali attività quotidiane senza nessun problema.

 

 

Parla alla tua mente

*