Ebv virus: possibilità di contrarre nuove infezioni

Ebv virus: scopriamo insieme quali malattie include

Sappiamo che il virus di epstein barr, o ebv virus, si presenta come una normale influenza. Però in alcuni casi può degenerare e far comparire altri sintomi come ad esempio aumento dei linfonodi B, aumento della milza e del fegato, oppure l’eruzione cutanea (dovuta all’assunzione di antibiotici sbagliati). Questo tipo di patologia, nel caso in cui, colpisse un bambino non dovrebbe comportare nessuna sintomatologia a differenza degli adulti. Per avere maggiori informazioni riguardo all’incubazione della mononucleosi possiamo consultare questo articolo “Periodo incubazione mononucleosi: domande più frequenti

I giovani riescono a guarire in un massimo di 4 settimane

Ebv virus infezioni

Ebv virus infezioni

Nonostante questo importante dettaglio sappiamo che, la mononucleosi, può favorire la comparsa dell’affaticamento cronico. Per questo motivo dovremo cercare di movimentarci e non far prevalere la nostra pigrizia. E’ importante anche cercare di non condividere le posate o quant’altro con chi ci sta attorno così da non contagiare nessuno.

Indi per cui nemmeno un normale disinfettare potrà annientare il batterio; infatti questo rimane attivo sino a che l’oggetto in questione rimarrà umido.

L’unico modo per diagnosticare questo virus sarà effettuare delle analisi del sangue. Il nostro medico, grazie a questo test, riuscirà a confermarci o meno  la presenza dell’ebv. In base ai nostri sintomi provvederà a  darci degli antibiotici nel caso in cui avessimo un’infezione in corso come ad esempio alla gola.

I rimedi, in tal proposito, sono davvero pochi: bere molta acqua, riposarsi, prendere degli analgesici o del paracetamolo per tenere sotto controllo febbre e dolori di vario tipo. Proprio per questo motivo non ci resta che scoprire quali analisi saranno più efficaci per questa particolare patologia: se vogliamo maggiori informazioni potremo leggere questo determinato articolo “Analisi per mononucleosi con stanchezza cronica: prevenzione e rimedi

Parla alla tua mente

*