Complicanze neurologiche in corso di mononucleosi infettiva

Complicanze neurologiche in corso di mononucleosi infettiva

I soggetti colpiti da infezioni veicolate da EBV possono andare incontro ad un decorso clinico secondario e tra le conseguenze connesse con il focus infettivo primario si possono registrare complicanze neurologiche in corso di mononucleosi infettiva, che si verificano molto raramente (in meno dell’1% dei casi). Talvolta si può riscontrare un interessamento neurologico che si palesa come sola manifestazione dell’infezione: il coinvolgimento del sistema nervoso rappresenta l’unica manifestazione clinica della infezione da EBV a cui si associano dei sintomi secondari non specifici come ad esempio una leggera condizione di ipertransaminasemia oppure linfomonocitosi. In ambito clinico sono stati evidenziati delle complicanze neurologiche nei soggetti colpiti da un’infezione in corso da virus Epstein-Barr si tratta per lo più di episodi di: encefalite, neurite ottica e di altri nervi cranici, dicolite, neuropatia periferica, cerebellite, mielite trasversa, meningora, sindrome di Guillain-Barté; a queste complicanze si accompagnano nei soggetti infettati dal patogeno le tipiche manifestazioni della mononucleosi infettiva. Maggiori notizie si trovano su Virus Epstein Barr diversi decorsi.

Come si identificano queste complicanze

complicanze neurologiche in corso di mononucleosi infettiva

complicanze neurologiche in corso di mononucleosi infettiva

Il virus di Epstein-Barr è responsabile di un gran numero di ampio manifestazioni cliniche con interessamento di specifici distretti anatomici, nel caso di coinvolgimento diretto del sistema nervoso. Per formulare la corretta diagnosi di eventuali complicanze neurologiche in corso di mononucleosi infettiva si basa su analisi dirette non solo di tipo sierologico ma anche sui reperti liquorali: la presenza di anticorpi anti EBV nel liquor cefalorachidiano è un parametro che permette di identificare questo genere di complicanze anche se si tratta di un dato diagnostico alquanto incostante. La diagnosi eziologia delle patologie neurologiche tiene così conto dei dati sierologici che si riscontrano in un soggetto colpito da infezione acuta da EBV (anti EB-VCA IgM positiva, incremento del titolo anti EB-VCA, IgG, e/o alla comparsa di anticorpi contro l’antigene nucleare del virus), in alcuni casi si eseguono delle indagini per la ricerca di altri agenti eziologici che però risultano negative favorendo la formulazione della diagnosi.

Parla alla tua mente

*